Covid 19

Nell’emergenza Covid 19 Mediocredito Centrale è al fianco delle Imprese e dei privati

Le iniziative

Per privati e Imprese

COVID 19

Sospensione a distanza delle rate dei finanziamenti per PMI erogati da Mediocredito Centrale

Il DL del 17 marzo 2020 n. 18 “Cura Italia” nell’ambito prevede che può essere richiesta la sospensione del pagamento delle rate dei finanziamenti, per l’intera rata o per la sola quota capitale, fino al 30 settembre 2020.
Per maggiori informazioni, clicca qui .
Se vuoi saperne di più consulta le FAQ pubblicate dal MEF al seguente link , clicca qui .

Leggi le FAQ

Chi può richiedere la sospensione delle rate del finanziamento?

Una Micro, piccola e media impresa (inclusi i lavoratori autonomi titolari di partita I.V.A.) che ha subito in via temporanea carenze di liquidità quale conseguenza diretta della diffusione dell’epidemia da COVID 19 e che non ha posizioni debitorie classificate come esposizioni deteriorate (alla data del 17.3.2020, data di pubblicazione del decreto “Cura Italia”)

A chi devo inoltrare il modulo?

Come posso richiedere la sospensione?

Clicca qui e accedi alla sezione Emergenza Covid 19 , scarica e compila il modulo dedicato alle PMI , firmalo digitalmente o con firma olografa e invialo a monitoraggio.covid19@postacertificata.mcc.it

Come vengo a conoscenza dell’esito della richiesta?

Riceverai via PEC comunicazione dell’esito della richiesta.

Sospensione a distanza delle rate dei mutui prima casa per privati (lavoratori autonomi, liberi professionisti e lavoratori dipendenti) erogati da Mediocredito Centrale

Il DL del 17 marzo 2020 n. 18 “Cura Italia” nell’ambito del Fondo solidarietà mutui prima casa:
• ha esteso anche ai lavoratori autonomi e ai liberi professionisti colpiti dalla crisi la possibilità di sospendere il pagamento delle rate di mutuo fino a 18 mesi;
• ha eliminato ai fini dell’accesso al Fondo la presentazione dell’indicatore della situazione economica equivalente (ISEE).
Per maggiori informazioni, clicca qui .
Se vuoi saperne di più consulta le FAQ pubblicate dalla Consap al seguente link,clicca qui .

Leggi le FAQ

Chi può richiedere la sospensione delle rate del mutuo prima casa?

I lavoratori autonomi, liberi professionisti e lavoratori dipendenti che si trovano nelle condizioni previste dalla normativa (da dichiararsi nel modulo di domanda).

A chi devo inoltrare il modulo?

Quali sono i tempi di evasione?

Ricevuta la richiesta, completa di tutta la documentazione, la Banca la inoltra a Consap che prevede 15 giorni per dare esito alla richiesta

Come verrò a conoscenza dell’esito della richiesta?

L’esito sarà inviato tramite email

Come funziona la moratoria?

Il piano di ammortamento verrà sospeso per la quota interessi e la quota capitale. Per il calcolo degli interessi maturati nel periodo di sospensione verrà applicato il tasso contrattuale al debito (capitale) residuo alla data di sospensione.

Come saranno rimborsati gli interessi?

Il 50% degli interessi maturati nel periodo di sospensione sarà rimborsato (senza applicazione di ulteriori interessi), a partire dal pagamento della prima rata successiva alla ripresa dell’ammortamento, con pagamenti periodici di quote di pari importo (aggiuntivi rispetto alle rate in scadenza ed in coincidenza con il pagamento delle stesse) per tutta la durata residua del piano di ammortamento, con slittamento della scadenza finale del mutuo. Il restante 50% degli interessi del periodo di moratoria non è a carico del cliente in quanto verrà rimborsato da Consap alla banca.

Durante il periodo di sospensione pagherò qualcosa?

No, durante il periodo di sospensione non si pagherà nulla.

Come saranno le rate alla ripresa dei pagamenti?

Alla ripresa dei pagamenti, le rate saranno leggermente più alte perché includono le quote interessi del periodo di sospensione.
Esempio: Rata 27/04/2020 con la sospensione = 0 (Quota interessi era 100 euro).
Il 50% degli interessi quindi 50 euro, viene spalmato su tutte le rate.
Se restano 10 rate dopo la moratoria queste saranno aumentate di 5 euro (50 euro \ 10).

Le misure del Fondo di Garanzia per le PMI

Il Decreto “Liquidità ha previsto procedure semplificate, coperture incrementate e accesso ampliato per imprese e professionisti che affrontano le conseguenze dell’epidemia da COVID-19.
Consulta l'infografica con le principali novità introdotte.
Scarica la brochure sulle caratteristiche della garanzia su finanziamenti fino a € 25.000.
Per maggiori informazioni, clicca qui .

Leggi le FAQ

Dove posso reperire la normativa sulle novità introdotte dal DL Liquidità applicate al Fondo di Garanzia?

Puoi consultare la normativa nella sezione dedicata sul sito del Fondo, clicca qui .

In che modo è possibile richiedere la Garanzia del Fondo?

La Garanzia del Fondo può essere richiesta direttamente alla banca / intermediario finanziario/confidi di fiducia,chiedendo di acquisire la Garanzia del Fondo sul finanziamento. Sarà poi cura della banca/intermediario/confidi presentare la richiesta di ammissione al Fondo.

Dove posso reperire il modulo per le richieste di Garanzia su finanziamenti fino a € 25 mila previsti dal DL Liquidità?

Puoi scaricare il modulo sul sito del Fondo, clicca qui

A chi deve essere inviato il modulo (allegato 4 bis) per richiedere la Garanzia su finanziamenti fino a € 25 mila previsti dal Dl Liquidità?

Dopo aver compilato e sottoscritto l’allegato 4bis, il soggetto beneficiario finale dovrà inviarlo, anche mediante indirizzo di posta elettronica non certificata, accompagnato da copia di un documento di riconoscimento in corso di validità del sottoscrittore, alla banca/intermediario finanziario/confidi a cui viene richiesto il finanziamento.

Sono disponibili dei riferimenti da poter contattare per maggiori informazioni e chiarimenti sulla normativa e sulle procedure che regolano la Garanzia del Fondo?

E’ possibile contattare i colleghi del Team Assistenza, composto da membri delle banche mandanti del RTI Gestore del Fondo. Per ciascun componente del Team sono disponibili i numeri di telefono fisso e mobile, raggiungibili negli orari di ufficio dei giorni feriali, clicca qui .
E’ inoltre possibile inviare una richiesta scritta al Team tramite un sistema di messaggistica dedicato, invia una richiesta.

Sono previsti dei costi per ottenere la Garanzia del Fondo?

L’intervento del Fondo non prevede alcun costo a carico dell’impresa.

Come posso recuperare le credenziali per accedere al Portale del Portale del Fondo?

Per recuperare le credenziali è sufficiente cliccare su “Clicca qui se hai dimenticato la password” ed inserire il nome utente e la mail associata. Ad ogni modo, sul sito del Fondo è disponibile una guida completa con le istruzioni per la gestione delle credenziali di accesso al portale del Fondo di garanzia, clicca qui .

Quali sono le banche e i confidi convenzionati con il Fondo di Garanzia?

Sul sito del Fondo puoi consultare l’elenco delle banche e dei confidi convenzionati, clicca qui .

Quali sono i soggetti richiedenti che operano con il Fondo di garanzia?

Puoi consultare l'elenco sul sito del Fondo, clicca qui .

Prodotti di finanziamento

Sul Portale del Credito è possibile con pochi click richiedere il tuo prestito con la nostra piattaforma digitale, direttamente da casa o dall’ufficio. In pochi minuti potrai verificare la fattibilità della domanda e in tempi brevi otterrai una risposta.
Se vuoi scoprire i prodotti disponibili, clicca qui .
Per registrarti sul Portale del Credito, clicca qui .

Leggi le FAQ

Come posso richiedere un finanziamento sul Portale del Credito?

1) Registrati, cliccando qui.
Ti servirà avere a portata di mano il codice fiscale dell’impresa (che sarà utilizzato per acquisire i dati aziendali) e la casella PEC a cui saranno inviate le credenziali di accesso ed i dati anagrafici del soggetto che effettua la registrazione.
2)Dopo aver preso visione e dato conferma dell’avvenuta lettura dell’Informativa Privacy ed aver rilasciato o meno il consenso per finalità di Marketing occorrerà premere il tasto REGISTRATI.
3)A seguito della registrazione, riceverai una comunicazione alla casella PEC (associata al codice fiscale dell’impresa) con un link che ti permetterà di attivare il profilo “Impresa” sul Portale del Credito solo dopo aver scelto la password.
4)Completata la registrazione, puoi effettuare l’accesso sul Portale ed inserire la richiesta di finanziamento.

Chi può fare la richiesta sul Portale del Credito?

Possono effettuare la registrazione e la conseguente richiesta di finanziamento sia le imprese neocostituite (attive in Camera di Commercio al momento della presentazione della domanda) che le PMI.

Quali sono i settori ammessi?

Tutti i settori ammissibili alla garanzia del Fondo di Garanzia per le PMI.

Ho problemi di accesso al portale le credenziali risultano non valide, come posso risolvere?

Inserisci nella sezione Nome Utente la PEC aziendale con carattere “MAIUSCOLE”.

Come posso recuperare la password?

Clicca qui e effettua la richiesta per “PASSWORD DIMENTICATA”. Ti invieremo una mail per il reset password. Infine, qualora non dovessi ricevere la mail, la scrivi a pmi@mcc.it con oggetto della mail RESET PASSWORD e indicando la denominazione dell’impresa.

Non riesco ad iscrivermi al portale per partita I.V.A. non riconosciuta, qual è il motivo?

Se il Portale ti restituisce un messaggio di errore, probabilmente la partita I.V.A. non è stata ancora attivato in Camera di Commercio.

Non riesco ad iscrivermi al portale per mancanza di PEC associata al codice fiscale dell’impresa, come posso fare?

Se il Portale restituisce un messaggio di errore, puoi scrivere a pmi@mcc.it con oggetto della mail MANCATO RICONOSCIMENTO PEC, indicando la denominazione dell’impresa e allegando una visura camerale aggiornata. A seguito dell’invio, sarai contattato da un nostro specialista.

Posso associare più codici fiscali allo stesso soggetto che effettua la registrazione per conto delle imprese stesse?

No. Ad oggi è possibile associare i dati anagrafici di un soggetto ad un unico codice fiscale.

Come si inserisce una richiesta di finanziamento sul Portale del Credito?

La compilazione è guidata e si articola in due fasi:
1) Il prescreening, dove sarà necessario selezionare il numero di bilanci depositati consecutivi ed indicare le caratteristiche del finanziamento a cui sei interessato e gli impegni finanziari in essere. Dopo aver effettuato questi step comparirà l’esito del prescreening.
In caso di esito non procedibile, non sarà possibile proseguire nella compilazione della richiesta; In caso di esito procedibile potrai cliccare sul pulsante TRASFORMA IN DOMANDA, che ti permetterà di passare alla seconda fase
2) La domanda, in questa fase sarà necessario andare avanti nelle diverse schermate (in parte precompilate) fino alla schermata dei documenti in cui troverai il pulsante TRASFORMA IN DOMANDA che sarà necessario cliccare per l’inoltro della richiesta
Ricorda che il completamento di tutti gli step è propedeutico al fine di poter inoltrare la domanda di finanziamento.

Non riesco a caricare i documenti sul portale, come posso fare?

I file non dovranno avere una dimensione superiore ai 5 mega. I formati ammessi sono PDF, JPEG, P7M.
Il simbolo del punto esclamativo posto in corrispondenza della checklist indica che il documento è obbligatorio; quello della lavagna che i documenti andranno firmati digitalmente.