Anticipo crediti IVA

  • cosa è: E’ un finanziamento a breve temine messo a disposizione dalla Banca finalizzato a coprire i fabbisogni di cassa della clientela. L’operazione rientra nella Convenzione che la Banca ha stipulato con l'Agenzia delle Entrate a seguito dell'Intesa Programmatica siglata il 13 gennaio 2005 tra l'Agenzia delle Entrate, l'ABI e la Confindustria. Il finanziamento può essere concesso per un massimo del 80% del credito a tassi di interesse agevolati, previa valutazione del merito creditizio da parte della banca erogante.
    Per accedere all’anticipazione occorre produrre alla Banca la certificazione di liquidità dei crediti tributari, che viene rilasciata dall’Agenzia delle entrate – Direzione Centrale Servizi Fiscali e presentata una disposizione irrevocabile di pagamento a favore della Banca che concede l’anticipazione.
    Per il rilascio dell’attestazione, è necessario presentare tutta la documentazione di rito richiesta per ottenere i rimborsi IVA (polizza fideiussoria, comunicazione delle coordinate bancarie, certificato della Camera di commercio, ecc.) all’ufficio o all’agente di riscossione che ne ha fatto richiesta.
    Condizione indispensabile per l'accesso al finanziamento è la presenza di un conto fiscale domiciliato presso la Banca.

  • a chi è rivolto: Il prodotto si rivolge a clientela con segmento regolamentare “imprese”, ovvero non consumatori, operanti nei settori merceologici attualmente ammessi dalla nostra Policy Credit, con operatività costante e regolare ad elevato standing che desiderano esternalizzare la gestione dei crediti IVA chiesti a rimborso.

  • come funziona: Il Cliente, titolare di conto fiscale, mediante utilizzo dell’apposita linea di credito, può ottenere l’anticipazione di un credito per IVA vantato nei confronti dell’Erario. In tal caso il Cliente deve presentare alla Banca idonea documentazione rilasciata dall’Agenzia delle Entrate attestante la certezza e la liquidità dei crediti IVA e dare disposizione irrevocabile, accettata dall’ufficio delle Entrate, affinché il pagamento dei crediti tributari sia effettuato tramite la Banca stessa sul conto fiscale di riferimento. Il credito IVA è anticipato in misura non superiore al 80% dell’importo del credito documentato, mediante addebito su di un conto anticipi di apposita apertura e contestuale accredito sul conto corrente ordinario della Banca, dove è domiciliato il conto fiscale. La Banca ricevuto il rimborso, provvederà al versamento di quanto dovuto nel C/C della Banca del Cliente, e da questo utilizzati ad estinzione totale/parziale della posizione di fido. L’anticipazione del credito IVA si chiude alla scadenza utilizzando le somme versate in conto fiscale dai Concessionari delegati, mediante una apposita concessione governativa affidata dall’Agenzia delle Entrate, alla riscossione e pagamento dei tributi per competenze territoriali; qualora a tale data il rimborso non fosse ancora pervenuto, il Cliente è tenuto al rimborso del credito IVA anticipato.

  • come e dove richiederlo o sottoscriverlo: II prodotto è offerto tramite la rete Commerciale di Mediocredito Centrale S.p.A.

 Contatti

Fogli Informativi Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Per le condizioni economiche e contrattuali fare riferimento ai Fogli Informativi disponibili nella sezione trasparenza. La concessione dei finanziamenti è soggetta a valutazione della Banca